I semi di zucca per un buon riposo notturno

Come sappiamo, la zucca è un ortaggio povero di calorie e ricco di fibre che si adatta a mille ricette. Tuttavia la polpa non è l’unica parte commestibile e nutritiva della zucca. Gettare via i semi una volta sbucciata è un grave errore. Si, lo so che non lo sapevate e adesso vi sentite in colpa ma da oggi, però, potrete rimediare!

I semi di zucca fanno parte della famiglia dei semi oleosi, in cui annoveriamo anche, tra i più conosciuti, quelli di girasole, di lino, di finocchio e molti altri. Con questi fratelli, appartenenti al suddetto gruppo, condividono la caratteristica di essere dei piccoli concentrati di proprietà e sostanze nutritive e perciò apportano numerosi benefici alla nostra salute fisica (cardiaci, prostatici, protezione da alcuni tumori, regolazione dell’intestino), ma anche mentale: hanno un effetto antistress e riposante, favorendo quindi il sonno. Tra le componenti più rilevanti è da annoverare la presenza di ferro e omega 3, grandi antinfiammatori che aiutano ad abbassare il colesterolo rendendo questi semi un superfood a km 0!

Seme di zucca: un valido alleato!

Questi semi di colore verde possono essere, quindi, dei fantastici alleati per il tuo riposo notturno. Grazie alla loro ricchezza ti triptofano, un aminoacido che viene poi trasformato in serotonina dall’organismo, stimolano la produzione di melatonina, l’ormone che mantiene il giusto ritmo sonno-veglia. Il triptofano si occupa inoltre di mantenere il buon umore grazie anche all’effetto calmante del magnesio, un minerale importante per il metabolismo di lipidi, glucidi e proteine e per il mantenimento della salute del sistema nervoso, contenuto in buone quantità nei nostri semini. L’effetto rilassante è ulteriormente acuito dalla presenza di vitamine di gruppo B e dalla produzione di GABA, un neurotrasmettitore antistress che i semini favoriscono.

Semi di Zucca: come mangiarli

Se si vuole evitare di eccedere con le calorie, basta una manciata di semi di zucca per assicurarsi tutti i preziosi nutrienti che contengono. I semi di zucca si possono trovare al supermercato al naturale o già tostati (in questo caso, è preferibile la provenienza da coltivazioni bio).

Tuttavia farli in casa è molto semplice! Dopo aver pulito la zucca ed estratto i semi, sciacquateli in uno scolapasta in modo tale da pulirli bene dai filamenti di polpa della zucca e poi asciugateli con della carta da cucina. Sarebbe bene tenerli ammollo per ridurre la quantità di fitati e migliorarne la digeribilità. Potete poi condirli con pepe, sale, olio e le vostre spezie preferite. É arrivato il momento di tostarli in padella oppure in un forno già caldo (a 150°C per circa 50 minuti) formando uno strato spesso e girandoli frequentemente. Appena cotti potrete gustarli come un delizioso snack da sgranocchiare davanti la tv, facendo rewatch del vostro film preferito alla sera, prima di andare a dormire. Si può, altrimenti, creare una bevanda fresca o una tisana della buona notte a seconda delle stagioni: bastano 100 grammi di semi di zucca lavati e schiacciati. Si procede mettendoli in una pentola con dell’acqua e lasciandoli cuocere a fiamma bassa per qualche minuto. Infine, aggiungete altra acqua e qualche cucchiaino del vostro miele preferito. Ci sono comunque molti altri modi per aggiungere i semi di zucca alla vostra alimentazione, si prestano infatti molto bene anche come accompagnamento per insalate, macedonie, minestre ecc…

Un’idea potrebbe essere quella di creare un condimento con semi di zucca, prezzemolo, aglio fresco, foglie di coriandolo, olio e succo di limone. Altresì, possono essere utilizzati per arricchire uno yogurt semplice o i vostri frullati preferiti così come i prodotti da forno (pane, dolci, biscotti…). Un buon panino vegetale con semi di zucca macinati è un’ottima merenda o pranzo, a seconda delle esigenze. Queste sono solo alcune idee ma potrete sbizzarrirvi dando sfogo alla vostra creatività e rispettando i vostri gusti personali e quelli dei familiari. Bisogna, tuttavia, fare attenzione a conservarli adeguatamente. É opportuno conservare i semi essiccati in vasetti di vetro con chiusura ermetica e tenerli al riparo da fonti di calore. I semi macinati e/o tritati possono essere conservati in frigorifero per qualche giorno, evitando così che si irrancidiscano. Possono inoltre essere congelati. É sempre bene accertarsi che i semi di zucca non siano ammuffiti, umidi o andati a male.

Le controindicazioni dei semi di zucca

Ci sono però degli effetti negativi da tenere in conto nell’assunzione dei semi di zucca. Come tutti i semi delle piante anche quelli di zucca contengono, purtroppo, sostanze antinutrienti quali l’acido fitico che danneggiano il processo di assorbimento da parte dell’organismo di sostanze nutritive come zinco e ferro. É per questo che è preferibile tenerli ammollo prima di assumerli: si riduce così notevolmente l’apporto di fitati.

Condividi!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest